Gennaio 2012, fa freddo, molto freddo. Per l’ennesima volta non ho portato i guanti con me, maledetta pigrizia e fretta. L’aria è limpida, cristallina. Un’atmosfera da paese incantato ci avvolge e le pietre del borgo diventano protagoniste di questo piccolo e freddo reportage tagliacozzano.

1 Comment

  1. I guanti, lo zaino, il cavalletto, l’obiettivo tele… c’è sempre qualcosa dimenticato per fretta con Gab, e forse anche questo è il bello di fotografare con lui.

    Saluti dal “compagno” di reportage.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.